RIFORMA DEL TERZO SETTORE. NUOVA PROROGA AL 31 MARZO

a75fca11-b70e-4dc8-af80-44ff0f427d04_medium

Slitta al 31 marzo 2020 l’adeguamento degli statuti per gli enti del terzo settore.

La modifica, approvata prima in Senato e poi alla Camera, è inserita nella conversione del decreto legge 125/2020 dello scorso 12 ottobre, che ha prorogato lo stato di emergenza per Covid-19.

Tutte le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale e le Onlus iscritte negli attuali registri, per avvalersi delle maggioranze semplificate, dovranno aggiornare il loro statuto entro la data prestabilita, con le modalità previste per le deliberazioni dell’assemblea ordinaria.

Il nuovo termine si avvicina a quello di operatività del Registro Unico del Terzo Settore (RUNTS), in via di definizione con provvedimento del Ministero del Lavoro, sulla base dello stadio di realizzazione del sistema telematico (art. 30 del DM 106/2020), stimata nel mese di aprile 2021.

La possibilità di avvalersi del regime “semplificato” di adeguamento (ai sensi dell’art.101 comma 2 del Dlgs 117/2017) è circoscritta alle modifiche volte a recepire disposizioni inderogabili del codice del Terzo Settore o ad escludere l’applicazione di nuove disposizioni rispetto alle quali il codice richiede la previsione di un’espressa deroga.

Gli uffici ACSE sono a disposizione per ulteriori chiarimenti.