AGGIORNAMENTI DAL MONDO DELLO SPORT

_

Il Ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, rassicura quanti temono che la ripartenza nel mondo dello sport possa diventare solo una vana speranza.

“Stiamo elaborando un piano di aiuti straordinari per tutte le strutture sportive e anche per tutti i cittadini”, ha scritto sul suo profilo Facebook, “e continueremo a garantire il bonus per i collaboratori sportivi anche nel mese di gennaio”.

 

Il Consiglio dei Ministri dovrà approvare quanto prima un nuovo decreto per tutti i ristori e anche altro, come per esempio il credito d’imposta e il rinvio di scadenze e pagamenti: “Stiamo lavorando da settimane tutti i giorni con il Comitato Tecnico Scientifico in modo proficuo per la riapertura, che sarà graduale a seconda dei colori delle regioni e, mi auguro, di avere l’ok per poter ripartire entro fine mese”, ha aggiunto Spadafora, “i ristori a fondo perduto, almeno quelli erogati dal Dipartimento per lo Sport, coprivano ampiamente fitti, utenze e altre spese fino a fine gennaio. Non parliamo di spiccioli, considerando che solo nella seconda fase dell’epidemia abbiamo stanziato circa 160 milioni di euro per più di 35mila ASD e SSD”.

 

In questo quadro, come noto, si è inserita la problematica relativa alle nuove domande formulate per i mesi di novembre e dicembre 2020, “per cui si è registrato un flusso di domande anomalo”, la maggior parte delle quali fa riferimento a soggetti che nel 2019 non avevano alcun reddito sportivo. Trattandosi di risorse pubbliche, ciò ha determinato la necessità di un’attività istruttoria molto rigorosa di tutta la documentazione allegata alle nuove domande. Si sono già svolti due livelli di esame della documentazione: circa il 30% delle domande è stato ammesso all’indennità, oppure verrà ammesso in occasione del prossimo Consiglio di Amministrazione della Società Sport e Salute Spa; al restante 70% di collaboratori, che non ha superato l’istruttoria, la Società – consapevole del contesto emergenziale e delle difficoltà connesse al blocco delle attività sportive – ha inviato una mail con una richiesta di integrazioni istruttorie e un termine perentorio per presentare tali documenti.

Le scadenze date dalla Società con la mail inviata nel periodo natalizio sono le seguenti:

  • il 15 gennaio 2021, scadrà il termine perentorio per caricare in piattaforma i documenti necessari a integrare le nuove domande di novembre 2020 per cui si sono già svolti i due livelli di istruttoria (vi preghiamo di leggere la mail arrivata nella vostra cassetta postale, controllando anche in spam e posta indesiderata);
  • il 18 gennaio 2021, scadrà il termine perentorio per caricare in piattaforma i documenti necessari a integrare le nuove domande di dicembre 2020 per cui si sono già svolti i due livelli di istruttoria (vi preghiamo di leggere la mail arrivata nella vostra cassetta postale, controllando anche in spam e posta indesiderata).

La mail ricevuta contiene inoltre la possibilità di rinunciare all’indennità. Per le modalità di caricamento in piattaforma si prega di consultare la procedura descritta al link https://www.sportesalute.eu/primo-piano/2402-aggiornamento-indennita-collaboratori-sportivi.html